Vai all'inizio  

  Tiro a segno allenamento fisico e mentale 

Tiro a segno, un allenamento fisico e mentale
Potenzia la concentrazione e l'autocontrollo.
Il tiro a segno è un'attività sportiva adatta sia a uomini che donne:
le qualità richieste da questa disciplina sono soprattutto concentrazione e
autocontrollo. Senza queste due qualità non si può pensare di praticarla
con successo. L'allenamento,infatti, sviluppa sia il fisico che la mente:
l'atleta deve mantenere i nervi saldi anche sotto stress emotivo
 e in stato di affaticamento, condizioni comuni durante le competizioni.
Nello specifico chi intenda praticare tiro a segno deve sottoporsi ad: 
allenamento che mira a sviluppare:
 * Coordinazione oculo-manuale;
* Abilità mentali;
* Controllo della propria postura e motricità;
* Forza;
* Autostima;
* Rispetto nei confronti delle armi;
* Accettazione della sconfitta in modo positivo;
* Percezione della tensione muscolare;
* Disciplina;
* Consapevolezza delle proprie emozioni e controllo su di esse (ansia, tensione e frustrazione);
* Resistenza;
* Senso di collaborazione con i compagni;
* Responsabilità verso gli altri oltre che per sé stessi.
Quest'ultimo punto, in particolare merita una particolare attenzione.
Il tiro a segno attrae, grazie al suo fascino, soprattutto i giovani.
Ma spesso i genitori non sono così entusiasti di questa scelta per motivi
legati alla sicurezza: il miglior modo di superare questo timore è lasciar
spiegare agli allenatori i principi base della disciplina che persegue scopi 
educativi ed evidenzia quanto siano importanti nell'iter formativo le regole
per maneggiare  coscienziosamente le armi. Inoltre è uno sport che permette  
a genitori e figli di legare dato che possono andare insieme al poligono e passare 
delle ore insieme. Chiunque può praticare quest'attività fisica, basta che sia  
conscio dell'allenamento a cui deve sottoporsi, che non  è solo fisico come 
nella maggior parte degli altri sport ma anche di preparazione mentale.
di MD - 19 Ottobre 2012 - 16:35